n. 5/6 (2005-2006)

“Noi lavoriamo nell’arte più complicata, più difficile e più faticosa che vi sia: la pittura; arte in cui bisogna tutto fare da sé e, specie oggi, tutto creare da principio; perciò sono fermamente convinto che ora più che in qualsiasi altra epoca sia mestieri pensare profondamente al materiale che usiamo […]. Ecco dunque ciò che io penso della tempera. Ho procurato di esprimermi, chiaramente e brevemente, e, anzitutto, ho voluto che questo mio discorso preliminare fosse persuasivo; pertanto io l’ho latinamente intitolato: oratio…”

Giorgio de Chirico
Pro tempera oratio, 1920

Gli articoli possono essere scaricati gratuitamente in formato pdf

RILETTURE

Giorgio Castelfranco

FONDAZIONE GIORGIO E ISA DE CHIRICO