Il 20 ottobre è stato formalizzato l’atto di donazione di 61 opere di Giorgio de Chirico al Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris, con la firma solenne del sindaco di Parigi Bertrand Delanoë e il presidente della Fondazione Paolo Picozza, in una cerimonia tenutasi presso la Mairie de Paris. Il lascito è stato voluto dalla vedova del Maestro, Isabella Pakszwer Far, in riconoscimento dell’importante ruolo che la città di Parigi ha svolto nella vita professionale e privata dell’artista.

Il lascito comprende 30 quadri, 20 disegni e 11 sculture, e presenta la maggioranza dei temi del Maestro: la Piazza d’Italia, gli Interni metafisici, i Manichini, gli Archeologi e i Gladiatori, insieme a soggetti fantasiosi come i Bagni misteriosi e i Soli. La ricerca tecnica-pittorica dell’artista è rappresenta dagli autoritratti, tra cui un doppio ritratto dei coniugi e un bellissimo nudo di Isabella, delle splendide Vite silenti e i classici Cavalli in riva al mare.

L’intera donazione sarà presentata in una mostra che sarà inaugurata il 10 novembre e che proseguirà fino all’estate 2012. In seguito, il museo dedicherà una sala permanente al Maestro, nella quale le opere saranno presentate a rotazione al pubblico francese e internazionale.

L’iniziativa segue il grande interesse mostrato dal pubblico in occasione della mostra Giorgio de Chirico – La Fabrique des rêves, voluta dal direttore del museo, Fabrice Hergott, e curata da Jacqueline Munck nella primavera 2009.

Discorso di Paolo Picozza, Presidente della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico